<% ' Carica le variabili ed i parametri di configurazione ' %> Linea Temporale - <%=titoloSito%>
Ti trovi in: homepage / Linea Temporale / 1944

Millenovecentoquarantaquattro


3-9 Settembre

Le formazioni spezzine della I Divisione Liguria, riformatasi dopo il rastrellamento d'agosto, compiono numerosi attacchi a mezzi tedeschi sulla statale della Cisa e soprattutto sull'Aurelia.

4 Settembre

Dei sabotatori della brigata Vanni, insieme a partigiani borgotaresi, danneggiano gravemente il ponte parabolico della ferrovia La Spezia-Parma, presso Ostia parmense. Negli stessi giorni, a seguito di precise richieste alleate, i partigiani della III Brigata Lunense La Spezia interrompono diverse strade della Lunigiana, tra cui anche la statale del Cerretto e quella del passo dei Carpinelli.

13 Settembre

Nuovo scontro tra alpini della Monterosa e partigiani della Cento Croci tra la Val di Taro e la provincia della Spezia. Un reparto della Monterosa si dirige dal passo di Cento Croci verso Montegroppo con bandiere bianche, apparentemente per arrendersi. Gli alpini si avvicinano pacificamente alle posizioni tenute dai partigiani e poi aprono il fuoco con le mitragliatrici e con i mortai. I partigiani rispondono al fuoco utilizzando i mortai catturati ai tedeschi nel luglio 1944. Al calar della notte gli alpini ripiegano sul passo di Cento Croci.

14 Settembre

Massa è evacuata. La popolazione si trasferisce a Carrara e in Val di Magra. Circa 10.000 persone torneranno nei mesi successivi nella città, ormai sulla linea del fronte. L'amministrazione provinciale di Apuania si trasferisce a Pontremoli. La situazione alimentare sul litorale apuano si aggrava ulteriormente.

10 Settembre

40 ostaggi, catturati presso la Certosa di Farneta in Lucchesia, sono uccisi nei dintorni di Massa.

16 Settembre

I59 detenuti del carcere di Massa sono fucilati dai tedeschi presso il torrente Frigido. Lo stesso giorno i tedeschi uccidono 72 civili (per la maggioranza donne e bambini) a Bergiola Foscalina, vicino a Carrara.

19 Settembre

Nasce sulle colline sarzanesi e fosdinovesi la Brigata Garibaldi Muccini "ligure". La brigata nasce grazie agli sforzi di Paolino Ranieri "Andrea" e di Dario Montarese "Briché". Comandante della brigata è designato Piero Galantini "Federico", mentre commissario è Dario Montarese "Briché". La brigata Muccini compirà tra il settembre e il novembre 1944 azioni militari ed attentati contro i fascisti nel sarzanese ed in tutta la bassa Val di Magra.

24 Settembre

Duro scontro tra partigiani e tedeschi a Torriona sopra Carrara. I tedeschi hanno la peggio ed hanno diverse perdite e decine di prigionieri.

26 Settembre

Un grosso contingente della brigata Muccini "ligure" occupa nottetempo Sarzana per liberare alcuni familiari di partigiani presi come ostaggi dai fascisti. I fascisti si danno alla fuga, ma la liberazione dei prigionieri non riesce. Nello stesso giorno i partigiani della formazione apuana Ceragioli tendono un'imboscata ad un reparto tedesco che tentava di distruggere i ponti tra Canevara e Forno, costringendolo alla ritirata e prendendo diversi prigionieri.

29 Settembre

Reparti della 16° Divisione meccanizzata "Reichsführer SS" compiono un'operazione antipartigiana nei comuni di Grizzana, Monzuno e Marzabotto (Bologna): massacreranno circa 1830 persone, tra cui moltissime donne e bambini.


Eventi nazionali     Eventi locali